Visione parallela con ElFecondadòrDelPartenón #4 (feat. EyeWaste): Singham (2011) di Rohit Shetty

18 luglio 2014 § Lascia un commento

Molto diffuso in India è un genere di film detto “masala” in cui, come nel miscuglio di spezie dal quale prende il nome, confluiscono generi diversi e talvolta contrastanti per una durata media di due ore e mezza. Un esempio è Singam, film tamil del 2010 diretto da Hari e interpretato dal mitico Suriya che, al suo 25° film (come gentilmente specificato prima dei titoli di testa), sfoggia una faccia da schiaffi come poche dietro dei baffi a ferro di cavallo come non se ne portano dai tempi di Super Size Me. Il successo di questo film è stato tale da permettere il rilascio di un sequel, Singam II nel 2013 e di tre remake nel 2011: Kempe Gowda in kannada, Shotru in bengalese e Singham in hindi. Proprio quest’ultimo, diretto da Rohit Shetty e interpretato da un granitico Ajay Devgan, è stato proposto per una visione parallela dall’ospite di oggi: il mio amico EyeWaste, folgorato dalla visione di questa scena.

Contagiati dallo stupore, vedremo fra poco, per la prima volta in tre, se questo remake è da ritenersi all’altezza dell’originale. Ce la farà? Lo scopriremo presto, accertatevi dunque di essere vincolati per bene ai fili invisibili e cercate di non farvi troppo male: questo è Singham.

Con la sola imposizione delle mani...

Con la sola imposizione delle mani…

EyeWaste: MAY THE TRASHDOM OF HEAVEN BEGIN!
DeReviùer: Ammazza quanti sponsor!
ElFecondadòrDelPartenón: Bello il modo con cui un film indiano inizia con la committee della censura che lo approva.
EW: Direi, almeno stanno coperti. […] Il leone anni ’90 dice tutto.
DR: Il modo in cui compariva il titolo nell’originale tamil era mooooooolto più tamarro. […] Giornalisti indiani che parlano inglese.
EFDP: E tutti sono corrotti.
EW: Beh, almeno non sei indeciso su chi è il cattivo: TUTTI.
EFDP: Prima gnocca. Baffoni hipster che in India non sono hipster. Bella statuetta di Visnù.
DR: Prime differenze: fotografia virata giallo e tempi più dilatati.
EW: Mi sembra l’inizio di ‘O surdato ‘nnammurato, con Visnù al posto della Madonna. [ride]
EFDP: Anche in India le telegiornaliste sono gnocche.
DR: Qua è tutto buttato più sul “drammatico”, mi sa.
EFDP: A posto. Slow motion a cazzo. Scambi di sguardi.
EW: “Vi farò ballare con la mia musica”. È un DJ nel tempo libero quel tipo.
EFDP: E fotografia virata seppia a caso. […] ENAFF IS ENAFF!
DR: Ancora in inglese.
EW: Domanda: perchè? Cioè, io non sono documentato, ma qualcuno di voi ha un’idea?
DR: Beh, retaggio della dominazione inglese, direi.
EW: Sì, ma… così a caso?
EFDP: No, no, loro sono come gli Arabi con il francese. […] Momento melodramma al telefono. E TE CE VORRÀ UN PO’, CARO!
EW: Di’ pure a Nitin che ho i muscoli di una lumaca per sollevare la pistola così piano.
DR: Oddio, DRAMMONE!
EFDP: Lacrimone e patagnocca che corre a perdifiato. Mano bloccata manco fosse un film giapponese. Dio che bambino brutto!
EW: Ammazza quanto è ingrugnito il bimbo!
EFDP: Sembra Buddha. […] JAIKANT SHIKRE! DAN DAN DAN!
EW: PROPRIO LUI! Il Mario Merola del nord del Gange.
DR: Oddio! A fare il cattivo è lo stesso dell’originale!
EFDP: Riprese bellissime per ora.
EW: Su questo devo dirlo, riprendono bene, solo che la storia va talmente veloce e si risolve così in fretta che ho difficoltà a seguire. Per la serie “Togliamoci tutto il patarrocco iniziale da mezzo”.
EFDP: Come fanno moltissimi film asiatici alla fine, spesso quelli di Miike hanno un’apertura all’inizio che presenta tutti i fatti del film.
EW: Hmmm-nì. Beh, almeno non devo sapere altro guardandolo.
EFDP: Vai, scontro tra Patagnocca e Jaikant.
DR: Sole fintissimo! OK, inizio vero.
EFDP: Che diavolo sto guardando adesso? [ride] Siamo a Borobudur tipo? Ah, no, è solo Bollywood.
EW: L’indiano più bagnato che vedrai nelle prossime due ore… e già non posso prenderlo seriamente, Bollywood e tutto.
DR: Leone tatuato sul petto, OK.
EFDP: Ora aspetto spunti fuori Kalluri Vaanil. […] LA RUOTA PANORAMICA!
DR: “Distruzione ebbàasta!”
EFDP: Quest’occhiale sessi però no, eh?
DR: OK, abbiamo capito, è buonissimo.
EFDP: Appunto, “has a honest heart”.
EW: Singham doesn’t take shit, non permette imbrogli nemmeno a una corsa di bambini.
EFDP: È il Buono de Il Visconte Dimezzato.
EW: E il cattivo è la sua mano. Hai presente QUELLA scena, sì?
DR: OK, il passettino con gli “artigli”…
EFDP: Ma questi scatti veloci in avanti e indietro della mano? [ride]
EW: O sono artigli o è rachitismo, decidi tu.
DR: E tutto ‘sto zafferano che vola?
EFDP: ROHIT SHETTY, a postissimo.
EW: Amico di Fred Fuchs, lo conosci?
DR: No.
EFDP: La signora Coriandoli col turbante!
EW: Non per fare il razzista, ma un cravattaro indiano si può chiamare turbantaro?
EFDP: Per me non c’è problema.
EW: La faccia di quello, la vedo male.
DR: PRIME BOTTE!
EW: Ecco. [ride]
EFDP: MA CHE CAZZO?
EW: Singham ha la passiva “Cresima alla Warner Bros.!”.
DR: “Infrango le ossa a chi infrange la legge!”
EFDP: La signora Coriandoli s’incazza.
EW: E sono passati solo 15 minuti.
EFDP: Ammappa, che casa!
EW: Ah, sì, bene, diamo quarantamila rupie a Sada solo perché sei Singham. Anche se… chi si opporrebbe a lui?
DR: Ecco.
EW: Ah, beh, generoso pure il padre, è di famiglia.
EFDP: E tre significa quattro, e quattro significa cinque.
DR: Ecco, come nell’originale: stretta di mano e tutto si risolve.
EFDP: Momento Horatio Caine.
EW: “Questo è lo stile di Singham”
DR: WHOOM! con la gamba.
EFDP: Bello il piede che si alza in slow motion.
EW: Vera pelle, ho letto bene?
EFDP: E siamo a soli 17 minuti.
DR: OK, vediamo come affrontano il rapimento.
EW: Organizzati, però, i cattivi, meglio della camorra.
DR: Finora è scritto quasi uguale.
EFDP: E lui mangia, bello Merolone.
EW: Perché non dovrebbe?
EFDP: Era per dire.
EW: Ora è davvero CSI.
DR: Qui il cattivo è troppo cattivo. Paragonato all’originale, intendo.
EFDP: Troppo poco non sarebbe stato sufficiente.
DR: Nell’originale non lo era quasi per nulla. Voglio dire, non c’erano così tanti morti…
EW: Mi raccomando, stuprate la moglie a Merolone, ma non toccategli l’ego. È la sua visione di educazione della famiglia.
EFDP: Ah ridaje, con ‘sta slo-mo.
DR: Uellallà!
EFDP: GNOCCOLONISSIMERRIMA! […] Nandu? SUL SERIO? NANDU? [ride]
DR: MA SPARATEGLI!
EW: Niente, la scostumatezza è di ogni paese.
EFDP: Ah ridaje, uccidetelo!
EW: Voglio quella suoneria.
EFDP: ANCHE IO!
DR: SFOTTEREEEEEE!
EFDP: Che cazzo vuol dire Gotya?
EW: Indagherò, ma col tono sembra che lo chiamino fecàto.
DR: Eh, tipo…
EFDP: Patagnocca number 2 che divora Singham con gli occhi.
DR e EW: GARGAMELLA?!
EFDP: Momenti trash che si rincorrono.
EW: Fantasma? Ma non hanno mai visto una dannata maschera?
EFDP: No, a quanto pare.
EW: Yup, you don’t fuck with Singham, nemmeno quando si tratta di dirgli di andare da una parte invece che dall’altra.
DR: Il poliziotto “scemo” è più scemo dell’originale.
EFDP: Il ciccione sembra un mio amico.
EW: Ecco, un bel ceffone. [ride]
EFDP: BELLO SGANASSONE!
EW: Bell’uomo Singham, comunque. Ben impostato, fisico asciutto…
EFDP: Sguardo fisso a marpione.
DR: Ah, beh, per fare Singham DEVI essere un bell’uomo.
EW: E alla tipa puzza la vita se vuole schiaffeggiare Singham, ma TANTO.
DR: Ecco, anche qui organizzano la vendetta. […] OK, quasi identico.
EFDP: Va beh, gag prevedibilissime ma funzionano.
EW: OK, il collega di Singham è noto come Boldiwood, con la differenza che questo fa effettivamente ridere.
EFDP: E no, non si toccano. ER RISPETTO!
EW: Fecondadòr, vai da Singham, prova a prenderlo a ceffoni e vedi un po’ che ti succede. [ride] Rispetto. [ride] Insomma, devi essere rispettato dopo quei paccheri.
EFDP: E chi lo vuol prendere a ceffoni? Figurati.
DR: Povera vedova. […] OK, scena del cinema, vediamo come la trattano.
EFDP: Maniaci nigga.
EW: Non essere razzista, sono pakistani.
EFDP: MAZZATE! […] No, peccato.
DR: Eeeeeh, aspetta…
EW: Bene, ora è finita, il nonno di Rick Moranis sta parlando.
DR: Scena girata quasi uguale, finora.
EW: Cosa?! Ha davvero questo potere un poliziotto là? A parte i superpoteri…
DR: Pare TruceBaldazzi, quello.
EFDP: Davvero. [ride]
EW: “Nenne’, tieneme ‘a pistola.”
EFDP: E pure ‘a giacca.
EW: “Nenne’, tieneme ‘a cammmisa.” Eeeh, “NENNE’, TIENEME ‘E LLENTE!”, è finita.
DR: E si parte!
EFDP: SGANASSONI! MAZZATE! DISTRUZIONE TOTALE! VENDETTA VEVA!
EW: Giustamente il fuggi fuggi è perché la gente già sa che è mal’acqua.
DR: [canticchia] VOOOOLAAAAREEEEE!
EW: Cosa? Perché lo vogliono morto?
EFDP: Cascata di nemici.
EW: Cioè, non che faccia differenza, ma… perché?
DR: Ma qui siamo nel supermariesco!
EFDP: Gente che sfida le leggi della fisica.
EW: E cresimate (per i non bilingue manate in testa pesantissime). Fecondadòr, abbiamo capito cos’è Singham: l’adattamento di Final Fight!
EFDP: Muscoli che si pompano manco fosse Popeye e Singham che solleva gente a caso.
EW: Fateci caso, Singham somiglia a Mike Haggar.
EFDP: Manco so chi sia.
DR: LA CINGHIAAAAAA!
EFDP: FRUSTATEEEEEEEEEEE!
EW: Singham non è un eroe, è un padre che va girando a educare i cattivi a cinghiate.
DR: In pratica.
EFDP: Momento romance, Patagnocca 2 è contenta.
DR: Intermezzo ballato e cantato, quanto vi giocate?
EFDP: Eh, ci starebbe.
EW: Invece no.
DR: Ecco, ho perso.
EFDP: E poi arie dream-pop indiane quando passa lei.
DR: [canticchia] E passa e spassa sotto a ‘stu balcone, ma tu si’ guaglioooooonaaaaaa!
EW: Beh, è la stessa dose di innocenza e mazzate di un film con Bud Spencer e Terence Hill.
DR: Sì, Nandu. […] E VATTENE! […] E secondo te perché lo fa? E dai!
EW: Ispettore buono e completo… e non ci arriva.
EFDP: Seh, appunto […] SHEILA?
DR: MIAO MIAO!
EFDP: Momenti EPICI! [ride]
EW: Nandu è mitico! Sarà la mia nuova immagine su Facebook.
DR: ENUFF IS ENUFF! AGAIN!
DR e EW: “Semplice, ti amo!”
EW: Oh, preciso, arriva al punto, ci siamo tolti da mezzo un bello scaglione subito, oltre alla palla “Non so come dichiararmi” o “Non c’è mai momento per dichiararmi”.
EFDP: Anche se in India una cosa del genere giusto nei film.
EW: Mi importa una sega, fa piacere vederlo in un film. Ti togli da mezzo cazzate inutili fatte per aggiungere 20 minuti di product placement.
DR: No, niente, t’ha fregato.
EFDP: Altre ariette hindu-dream-pop.
EW: ECCO il tuo intermezzo ballato.
DR: ECCOLO! […] Ma cocco! Offre la granita a tutti!
EFDP: Momento intimo puccipù.
DR: Comunque era più espressivo l’altro.
EW: Certo, ne approfitto per dire una cosa: noi italiani parliamo male di questi intermezzi ma, se ci fate caso, tra i film di Nino D’angelo o quelli con qualsiasi cantante tra gli attori ci sta quest’intermezzo.
DR: Non mi far parlare, via.
EFDP: Infatti giusto voi li conoscete. [ride]
EW: Siccome è lungo, dai, parlane. Ah, no, è finito, non parlarne.
DR: E ora passa lui. C’è cascato.
EFDP: Lei fa la finta scontrosa… e piglia pure per il culo!
DR: Anche nell’originale, ma lì era più puccipù.
EW: Beh, se è la stessa trama sta poco da fare.
DR: DISTRUGGETE ‘STO TELEFONO!
EW: Molte influenze del teatro farsesco per queste cose
DR: BABBO DI MINCHIA!
EFDP: Sorrisi a 56 denti.
DR: “Il camion era mio, ma un incidente è un incidente.”
EFDP: E certo, spostiamo l’accusa su chi non ha colpa. Begli interni, comunque.
DR: L’attore che fa il cattivo mi piace.
EW: Jaikant Merolone, lo vedo come un cattivo che non sa cosa fare e quindi si butta a fare di tutto, senza specializzarsi.
EFDP: CEFFONE!
DR: E forse ne arrivano altri.
EFDP: Considerali come vuoi.
EW: Oh, merda… hanno cercato di corromperlo.
EFDP: NON DOVEVI DIRE UNA COSA DEL GENERE!
EW: Mo’ sono problemi.
EFDP: Scena epica adesso, i pick-up tutti in fila.
DR: Pratoni!
EW: Ua’, e che scorta per firmare al commissariato. Che ha fatto, ha chiamato pure i cattivi delle città vicine?
EFDP: Sì, probabile
EW: “Ragazzi c’è da fare a botte Bollywood-style, ci serve gente!”
DR: Mo’ sono cazzissimi.
EFDP: WAITING! Amo come lo ha detto.
DR: Singham adesso pare uscito dai Village People. […] Iiiiiiiiiih, l’ha chiamato criminale. […] Iiiiiiiiiih, l’ha chiamato assassino.
EFDP: Sì, dai, Kill Bill, adesso.
EW: “Tranquilli, raga’, che li stendo Double Dragon Style.”
EFDP: YEEEEEEEEEAH! DISTRUZIONE! DEVASTAZIONE!
DR: BORDELLOOOOOOOO! […] Che popolone! Lo voglio!
EW: FIRMA EPICA!
EFDP: Rendono epico anche il blueprint.
EW: Ho paura di vedere che succede se c’è da dissequestrare una macchina.
DR: E se ne va pure a piedi! [ride]
EFDP: [ride]
DR: Umiliazione al ralenti.
EW: Come li fanno, là, i parabrezza? Col domopak?
EFDP: Più o meno…
DR: Vedova incazzata, vai! […] Funzionario stronzo, vai!
EW: Giusto, tutti sono corrotti. “Devo colpire l’empio!”; “Spara a caso!”.
EFDP: Daje de accuse.
DR: Cattivo!
EW: Brutta la vita del poliziotto là: rischiano agilmente il licenziamento.
DR: Del poliziotto onesto, poi, non parliamo…
EFDP: E i legami di famiglia, e il core…
EW: Secondo me, Gotya si vende Singham a un’ora e tre quarti.
EFDP: Ecco.
DR: ERASE IT!
EW: File it!
EFDP: E il complottone contro Gotya, che sembra la versione poraccia di Gotye.
DR: Oh, niente parolacce!
EW: E soprattutto, è bello vedere che la corruzione è a un livello tale che dicono direttamente tutto all’aria aperta. Meno problemi.
EFDP: Certo. […] DAN DAN DAN!
DR: E il cattivone incazzato.
EW: E che cazzo, 5 minuti! Manco ha inaugurato la sedia! “Welcome to Goa… welcome to DIE!”.
EFDP: Sì, tu, piccino.
DR: Sì, abbiamo capito, l’ego. E dai.
EFDP: Ah ridaje, co’ ‘st’ego.
EW: E ripeto: puoi mangiare il fegato a Jaikant, ma non puoi toccargli l’ego.
DR: Oh, intervallo.
EFDP: “INTERMISSION”. [ride]
DR: Grande vedova, digli tutto.
EFDP: Il bambino ascolta tutto.
EW: Tanto il bambino già sa tutto, magari fa parte di educazione civica, là.
DR: E non aspetta altro.
EFDP: E Singham architetta un piano. […] Funzionario STRA-CORROTTO che parla di legge, muori male!
DR: Ah, già convivono? […] Ah, già rompono il cazzo? […] Ah, già minacciano?
EW: Che gli devono dare? Gli otto giorni?
EFDP: Sì, tutto subito e veloce, non c’è tempo da sperperare.
DR: E Singham non è un perditempo.
EW: Che devi sperperare? Già sta tutto pronto.
EFDP: Muori, Merolone, MUORI! […] A MURDER IN PROGRESS? […] Ah, ecco.
EW: Ma secondo me Jaikant si è innamorato.
DR: Scusa, in che città siamo?
EW: Goa.
DR: Ah, OK.
EW: Penso, eh?
DR: OK, stuntone.
EW: Se dice di nuovo “Welcome to Goa”…
EFDP: E c’ha il vizio dei furgoni!
DR: E l’ha detto.
EW: Ecco.
EFDP: Non poteva esimersi.
EW: Mo’ davvero m’ha rutto ‘o cazzo.
DR: Intanto, il movimento di macchina da capovolta a diritta era bello.
EFDP: Sì.
EW: Vabbe’, ma che palle!
DR: Almeno cambiare il nome della città. Non so, Trance anziché Goa.
EFDP: OH, FINALMENTE!
EW: Finalmente due palle.
EFDP: Già, volevo più mazzate.
EW: Eeeh, il sistema proprio non va.
DR: Mo’ s’incazza.
EW: In effetti, dopo la prima scaricata di botte al cinema, non ci sono mazzate. Me ne aspettavo di più.
DR: Vabbe’, abbiamo capito: CORROTTONE!
EW: Mi chiedo com’è che non è ancora presidente. Cioè, ha tutto, rende tutto legale e sta a posto.
DR: Tranquillo, mo’ s’incazza.
EFDP: Ma non fa un cazzo, per l’appunto.
EW: OK, riconosco quella balconata.
DR: Oh, ragazzi, ci siamo.
EFDP: ECCOCI.
EW: La scena madre, effettivamente È la scena madre, eh? Lo sviluppo del personaggio, ci siamo.
DR: E il bambino diventa IMPORTANTISSIMO!
EFDP: Bimbo superiore.
EW: Il bimbo ha parlato, anche perché ha detto quello che doveva dire in tempo.
DR: DAJE! Tarantellona pompante!
EW: Il lampione, best weapon ever.
DR: E comincia la magia. Bambino sempre più grande. Singham inizia calmo…
EFDP: Sempre più furioso.
DR: E MO’ S’INCAZZA NERO!
EW: “Certo che ce ne sto mettendo di tempo per fare dieci metri.”
EFDP: Stolti.
EW: Ecco, è partito il tema.
EFDP: [canticchia] SINGHAM! La voglio come suoneria.
EW: È finita.
DR: Voli e sterzate cicliche. Matrix se le sogna.
EW: Emmerich ha da imparare da Shetty.
EFDP: E ora fa il Mike Tyson de noantri.
DR: “Eh, corri, corri, tanto ti ripiglio.”
EW: Mike Tyson, Usain Bolt, Jean Claude Van Damme e l’Uomo Tigre insieme.
DR: PACCHERO ROTANTE!
EFDP: SLAP IN THE FACE, but what a slap in the face.
EW: A miserable little pile of fingers!
DR: Hindu-gnocca orgogliosa.
EW: E Kavya, intanto, si infoia. Orgogliosa?
DR: E certo! “Di nuovo, tienimi la pistola.”
EFDP: FRUSTATEEEEEEEEEEEEEEEEEE!
EW: Sta dicendo con lo sguardo a tutte le ragazze: “Questo me lo alzo io!”. Non so quanto tu sia avvezzo alle botte, ma preoccupati di più se ci si leva gli occhiali.
DR: CINGHIATE ALLA PADRE DI FAMIGLIA!
EFDP: Sì, lezione di vita. Go fuck yourself!
EW: Almeno il discorso del vecchio ha senso.
EFDP: Go fuck yourself uguale! Oh, il vice boss.
DR: Eh, magari così fa.
EFDP: Sembra Umberto Smaila.
DR: VERO!
EW: Whoa! L’ha fatto, è diventato come Batman.
DR: Bravo! Lo vedi che c’era qualcosa sotto?
EFDP: Ovvài, digliene a Smailone!
EW: OK, si è incazzato.
DR: Il truffone dell’alcool. Poliziotti solidali. E vai.
EW: Oooh, che bello, ora ha anche appoggi.
DR: “E CE LO CACHI CHE SEI IL MIO SUPERIORE!”
EFDP: DIGNENE!
DR: (sì, “singham” vuol dire “leone”)
EW: Secondo me la storia di Singham va ancora più indietro del film originale. Parlo da ignorante, eh?
DR: Indietro in che senso?
EW: Nel senso che è l’adattamento a moderno di qualche storia antica, secondo me.
DR: E chissà.
EFDP: Ma cos’è sto cartonato? [ride]
EW: Non lo so, ma gli altri sono peggio. [ride] Singham over 9000!
EFDP: Che ne stende tipo 20 con una sola mossa.
DR: Oh, gliele ha dette. Ralenti à la Wes Anderson ma con più stacchi di montaggio.
EFDP: Il tema che mi stende. [canticchia] SINGHAM!
DR: Se trovo l’album, te lo regalo.
EFDP: Ma figurati, cerco e scarico il tema.
EW: E sempre un ceffone ci sta. […] Cioè, Singham dà la dislessia a distanza.
DR: E il cattivone si caca sotto.
EW: No, aspetta, come ha fatto? Stava in mezzo alla folla. Ah, già… è Singham!
DR: Proprio perché è Singham… CACATI SOTTO!
EFDP: E ora gioca con le sue stesse armi.
EW: Successful troll is successful
DR: Bhagavad Gita. E certo! […] “Ciao, amo’. Sto a lavora’…”
EFDP: E mica me so’ dimenticato!
DR: “VERIGÙ, VERIGÙ!”
EW: Piantala di fare il razzista, su.
DR: Macché razzista!
EFDP: Oooh, l’ammmmmore!
DR: Qui il babbo è molto più orgoglioso.
EFDP: Trollone is trollone.
EW: E Singham si ricorda pure delle patenti altrui. Eccolo là.
EFDP: E il cattivone inscena tutto, bella mossa.
EW: Poteva pure farlo davvero, eh?
DR: Infatti l’ha fatto, mi sa.
EW: Sicuro? Perché io non l’ho capito, per me poteva semplicemente chiamare dal Magic World.
DR: Eccola, infatti, si vede.
EW: Allora è stato solo un problema di regia. Eccolo là. Esistono allora le pistole! Pensavo che le tenessero per accessorio.
EFDP: EH LA MADONNA! […] Rally nel parcheggio.
DR: E lui esce calmissimo.
EW: Questa è copiata da RED, dai.
EFDP: SEEEEEEEEEEEEEEEEH!
EW: VABBE’! L’arresto più epico del mondo.
DR: Ma vuoi pure mettere con RED?
EW: Perché no?
EFDP: Che è RED?
EW: Poi ti passo.
EFDP: Questo Tulu è bellissimo!
DR: OK, parentesi comica con traduzione simultanea.
EW: E intanto non usano manette, eh?
DR: BÙ! [ride]
EFDP: DAN DAN DAN!
EW: Ci vuole solo che dice “Bù”!
DR: L’ho detto io, infatti. […] Ah, ORA lo sostieni?! No, sentite, questo fa schifo.
EW: Eeeh.
DR: CEFFONI!
EW: Ecco.
EFDP: SGANASSONI! E frigna-
EW: Ma che schifo di ministro, un piagnone! [ride]
DR: CALCIONI!
EFDP: Mosse che manco Mila e Shiro.
EW: Cioè, stendono cattivi a ceffoni, puniscono ministri corrotti a calci in culo… davvero, è come un film di Bud Spencer.
EFDP: Ma non è un cattivo, è patetico.
DR: “Mi mancano sei mesi alla pensione, posso calciarlo anch’io?” [ride]
EW: Quella è la battuta madre del film.
EFDP: Inserviente che li adora e STURMTRUPPEN IN AZIONE.
EW: E si vede che stava sul culo a tanti, oltre che a noi tre.
DR: Famiglie in riunione!
EFDP: L’uomo DALLE DUE PERSONALITÀ!
EW: No, è solo uno sviluppo del personaggio fatto male.
EFDP: Lasciami essere sarcastico, dai.
DR: Oh, si canta e si balla.
EFDP: Intermezzo musicale.
EW: Te lo concedo, perchè quest’intermezzo mi casca proprio MALE.
DR: MALE?
EW: Sembra Giacomo Rondinella…
DR: [ride]
EFDP: Bella la scenografia, in ogni caso, anche se Singham canta oscenamente.
EW: Vero.
DR: Sempre che canti lui (e non lo credo).
EW: E pure l’accostamento dei colori, dei costumi e tutto.
DR: I testi dell’originale erano un po’ meglio, alcuni rasentavano la tenerezza, per quanto erano ingenui.
EFDP: Testo di una banalità che ammutolisce (ciò non toglie che quella voce lì sia orribile).
DR: Ecco, appunto, questo è banale, l’originale era ingenuo.
EW: Io i testi nemmeno li considero più, per questo dico che mi casca male l’intermezzo.
DR: Ah, il cattivone ha vinto.
EW: Sì, e ha già festeggiato.
EFDP: Sì, sì, gli bastano meno di 24 ore. Scena in circolo che manco Uzumaki.
EW: Bello questo scambio di battute, eh? Jaikant ha un bel registro di battute badass.
EFDP: Sì, ma Singham parla più di lui con i soli sguardi.
DR: ALTRE CINGHIATEEEEEEEEE!
EFDP: Amo le cinghiate tanto quanto a lui piace il sadomaso.
EW: Prima o poi si trovano la Guernica tatuata sulla schiena.
EFDP: La scena con l’acqua, BOH?!
DR: Eh, oh, dopo tutte le cinghiate…
EW: Picchiare con la cinghia è faticoso. Chiedi a Bing Crosby.
DR: Bing Crosby?
EW: Sì, picchiava moglie e figli a cinghiate.
DR: Ah, OK.
EW: È lui il cantante, sì?
DR: Sì, quello di White Christmas.
EW: Tanto qua questo dura molto e non dice più di quanto non sappiamo già.
EFDP: Ma voleva sfogarsi, dai.
DR: E a ragione, anche.
EW: Zitti, sono partite le percussioni. Qualcosa succede.
DR: Altra scena madre.
EW: Mi sa che quello è morto, non si muove, manco batte le palpebre. Ah, OK, si è mosso.
DR: L’orgoglio del leone. DAJE!
EFDP: Bambino wins all.
DR: Occhi bassi. VAFFANCULO!
EW: Parte la rivolta?
EFDP: Ovvìa, sei un uomo, dai.
EW: E certo che torna, mena certi colpi che manco Superman.
EFDP: Giobbatela ancora un altro po’.
DR: Bambino che giudica. Bambino che redime.
EW: Tutti i bambini giudicano e l’ufficiale pensa: “Meglio se chiamavo davvero quei due animatori, così stavano lontani”.
DR: Sirene in lontananza che danno speranza.
EW: Non so cosa è più finto, se la luna o le auto.
DR: ED ECCO LE VOLANTI!
EFDP: Ovvài, i quattro dell’Apocalisse. No, mi sa qualcosa di più. Volanti più finte di sempre.
DR: No, vabbe’, manco i Blues Brothers!
EW: E soprattutto tutte talmente vicine che si strisciano con le portiere.
DR: Ma coreografate alla perfezione.
EFDP: E ora tutti si uniscono contro Merolone.
EW: Potenza di Blender. Che ca…?
DR: La luna pare presa in prestito da The Truman Show.
EFDP: Sì, abbastanza.
EW: Bello, si compiace pure nel sonno.
DR: Superiore cacasotto.
EW: Mentre fuori c’è Apocalypse Now.
EW: Oh, Madonna…
DR: Superiore cacasotto redento pure lui.
EW: Più poliziotti che a una partita del Napoli.
EFDP: Superiore finto cacasotto.
EW: Eeeh! [ride]
EFDP: [fa le corna con le mani e agita la testa]
EW: E non si risolve con arresti, ma a CEFFONI, ci scommetto un caffè.
DR: E a sorrisetti sarcastici.
EW: “Non potete toccarmi”, eh, non direi…
DR: E il capo sta a guardare. [ride]
EW: Brutta cosa, la pressione alta, o no, raga’? [ride]
EFDP: Alè!
EW: Ma che è? Scegliamo l’idea migliore?
EFDP: Ha ammesso di essere un cicciobomba.
DR: Oh, ha la pressione alta! Vabbe’, qua vogliono Merolone morto in tanti, eh?
EW: Sì, ma è bello vedere che ognuno ha la sua idea e Singham democraticamente non dice nulla
EFDP: Ooooh, frignoncello bello.
EW: Jaikant, hai perso punti.
EFDP: Piccino.
EW: A meno che… cassetto… ecco, lo sapevo. li ha riguadagnati.
DR: SOL LEVANTE FINTISSIMO!
EW: WHAT?
EFDP: MA CHE È?
DR: MACCHINE CHE VOLANO MANCO FOSSE E.T. (vabbe’, non per niente le chiamano volanti)!
EFDP: Dio, che pessima CGI.
EW: Cos’è? Wild Police Cars, il nuovo documentario National Geographic?
EFDP: Manco fosse GTA!
EW: Veramente gli saltano addosso, manco fossero tigri. […] Manco sa usare un numero, bravo. Informa la polizia, bravo. [si sganascia dal ridere]
DR: Mimesi degne di un cartone animato.
EW: “Prendono la benzina gratis?”. Eccolo!
EFDP: [canticchia] SINGHAM!
DR: Eccolo! Un uomo che vale quanto una volante!
EFDP: No, ce ne sono altre dietro
EW: Ce la faremo a vedere Singham che afferra una pallottola con i denti?
EFDP: Amo come la ripresa da sotto annulli totalmente il pavimento.
EW: Tutto cominciò con un ceffone e tutto finisce con un ceffone.
DR: Giuramento badass.
EW: Singham 25:17.
DR: MA COME?!
EFDP: Patagnocca prays.
EW: Secondo me… no, no, è morto.
DR: Ma dai!
EW: Un po’ fuori dal personaggio, però.
DR: Ma infatti! Ecco, di nuovo Wes Anderson.
EFDP: E uscita badass.
EW: Con Kavya e il bambino mutante dai superpoteri telepatici che l’aspetta. E il nostro film finisce con Singham che fa un saluto con la mano che ha dato più ceffoni nel cinema.
EFDP: Cosa c’è di più soddisfacente di dare ceffoni?
EW: Vederli dare.
DR: Far saltare macchine!
EW: A ceffoni, ovviamente.
EFDP: No, no, io mi tengo i ceffoni.
DR: Ah, no, aspetta… CINGHIATEEEEEEEE!
EFDP: Già, giusto.
EW: Capovolgere una macchina a cinghiate? QUELLO sarebbe il massimo. Roba che manco Simon Belmont potrebbe.
DR: OK, hai vinto.
EFDP: Il regista non è indiano o meglio, non è come me lo aspettavo.
EW: Secondo me sono cambiati i tempi. Ma nemmeno il film è quello che mi aspettavo. Perchè, apparentemente, anche quelle scene che sembrano senza senso lo ricoprono, sembra di vedere un musical.
EFDP: Ogni film di Bollywood è un musical alla fine.
DR: In una produzione media indiana, se ho capito bene, bisogna aspettarsi dei numeri musicali, soprattutto in film masala come questo.
EW: Indipendentemente dai numeri, parlo proprio di costruzione, in ogni caso. Fa schifo? No. Questo posso dirlo.
DR: Sì, sì, sono tutti o quasi tutti costruiti così.
EFDP: Comunque sia, il film resta per me un grande boh.
EW: Lo consiglierei? Beh… nì. Non è facile comunque.
DR: Io consiglio più l’originale.
EW: Più che il film è il finale a lasciarmi un kiloWUT in testa.
EFDP: No, per me è un po’ tutto.
DR: Questo remake si salva per il terreno su cui poggia i piedi, l’originale non ti lasciava proprio fiato e neanche finiva così di merda.
EFDP: Le falle di sceneggiatura sono profondissime.
EW: Vogliamo parlare di quelle di regia e montaggio? Dai, la figlia rapita pensavamo fosse un trucco.
EFDP: Io no.
DR: Ma non lo era neanche nell’originale.
EW: O ero stanco, allora, oppure non ho capito, perché quando stava in piscina pensavo: “OK, lo sta prendendo in giro, oppure si porta avanti sul lavoro”.
EFDP: Io manco per idea. Boh, mi era sembrato chiaro sin da subito che non scherzasse.
DR: Ripeto, quasi tutto uguale, hanno cambiato perfino il finale. E nell’originale si cantava e si ballava di più.
EW: Nell’originale come finiva?
DR: Nell’originale non c’era tutta questa “violenza”. Cioè, i cazzotti volavano e le macchine si spaccavano, ma morti violente non ce n’erano; i buoni vincevano, i cattivi perdevano, nessuno usciva dal personaggio e Merolone non era nemmeno così cattivo perché proprio MANCAVA IL TEMPO PER ESSERLO.
EFDP: Insomma, era fatto meglio. Appena posso lo rimedierò.
DR: Infatti, devi stare incollato all’originale per seguirlo per bene, perché è velocissimo, serrato, uno zapping continuo.
EW: Domanda: quanto dura l’originale?
DR: L’originale ha la stessa durata. Forse cinque-dieci minuti in più.
EFDP: Dio, io altre due ore e mezza non so mica se riesco ad affrontarle!
EW: E considera che è la stessa storia.
DR: Ma se nella stessa durata riesce a mettere moooooooooolta più roba senza stomacare, senza stonare e tutto il resto, beh, vince l’originale.
EW: Qui, invece, vince il sensazionalismo. E non parlo degli intermezzi coreografati o musicali, né delle mazzate che nulla hanno da invidiare a Bud e Terence, ma gli sproloqui e le scene comiche.
DR: Bravo, hai detto bene, sensazionalismo. Tutto a tinte più fosche, un poliziotto da riabilitare… oh, ma qua vogliamo divertirci! In questo film, poi, l’attore protagonista sembra un pesce lesso, paragonato all’altro.
EW: Nandu che non sa fare una smorfia e quindi caccia la lingua.
DR: No, vabbe’, Nandu… pare un contadino sardo.
EFDP: No, a me pare proprio un Nandù. E comunque per me perde punti già per il nome.
EW: Il cellulare di Gotya che suona tante di quelle volte che la metà basta, Jaikant che davvero fa sceneggiate tipo Mario Merola.
DR: Anche nell’originale.
EW: Sì, ma come acting qui esagera, eh?
DR: Un po’ anche nell’originale.
EW: Potremmo prenderlo e fargli cantare ‘O zappatore, basta ridoppiare.
DR: No, vabbe’…
EW: La trama, poi… ti dirò, è troppo semplice, per questo secondo me è l’adattamento di qualcosa di più vecchio.
DR: Qui hanno semplificato tutto e troppo.
EFDP: Per me comunque il voto è 5/10: girato bene, alcune scene interessanti, ma la storia non mi convince, e la recitazione è a livello di sottoscala. Un 5 non irritante come quello dato a My Sassy Girl, ma pur sempre un 5.
DR: Ti ripeto: nell’originale facevano UN BORDELLO di cose. Qua stiracchiano tutto, hanno tolto intere scene. Per me è tra 5 e mezzo e 6-. Solo nella forma, è un po’ più curato dell’originale, che sta tra 6 e mezzo e 7.
EW: Non potendo fare paragoni con l’originale posso andare tranquillo, per me è inclassificabile. Non so nemmeno in che genere metterlo. Non dico che è brutto, dico solo che non ho il metro per dare un voto.
DR: C’è un nome apposito: masala. E considera che il prodotto medio commerciale indiano è minimo minimo un miscuglio di quattro generi diversi.
EFDP: Come anche in Estremo Oriente.
EW: Beh, appunto, per questo non posso giudicarlo come film. Una cosa posso dire: è godibile.
DR: Ah, sì, divertente è divertente. Troverai tempo e modo per valutare, non preoccuparti, ma fatti un favore: guarda l’originale.
EW: Prima o poi lo farò.
DR: Devi.
EFDP: Anche io lo guarderò, appena mi vien voglia.
DR: E poi mi dite le differenze. Già a partire dai titoli di testa.

Credo sia tutto chiaro, a questo punto. Mi giunge inoltre notizia che questo ferragosto uscirà Singham Returns, il seguito. Vale la pena ricascarci? A voi la sentenza, sigla!

Finisce quest’articolo, inizia la mia pausa estiva. Non aspettate cartoline.

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo Visione parallela con ElFecondadòrDelPartenón #4 (feat. EyeWaste): Singham (2011) di Rohit Shetty su DeReviùer.

Meta

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: