Ascolto parallelo con ElFecondadòrDelPartenón #4: Acid Rap (2013) di Chance The Rapper

8 luglio 2013 § Lascia un commento

Durante una sospensione di 10 giorni inflittagli quando frequentava le scuole superiori, Chance The Rapper incise #10day, lo fece scaricare gratis e tutti gli vollero bene. Due anni dopo, il mio amico ElFecondadòrDelPartenón e io sottoponiamo al nostro ascolto chirurgico il suo nuovo mixtape, intitolato Acid Rap. Poi mi devono rispiegare la differenza fra un mixtape e un album, perché mi hanno pure chiarito la distinzione però, sinceramente… boh?!


Fra poco ElFecondadòr si pronuncia al posto mio.

Fra poco ElFecondadòr si pronuncia al posto mio.

[Good Ass Intro]

ElFecondadòrDelPartenón: Bene, cominciamo col dire che la copertina è una delle cose più brutte EVER!
DeReviùer: E la voce non è meglio: sembra che imiti Kanye West, solo che è più colorito.
EFDP: Sì, davvero, un Kanye psych (e va beh che a quanto pare, gran parte del mixtape è stata composta sotto effetto di acidi).
DR: Quindi dovremmo avere anche i testi sotto mano, perché le musiche non sembrano così “acide”. Anche perché il produttore non è sempre lui, leggo.
EFDP: Caruccio il giro di piano, quasi Motown, le squinzie cantano niente male. Magari questa non va annoverata tra quelle composte sotto acido. Poi dai, siamo ancora al primo pezzo, tiriamo le somme alla fine.
DR: Un tripudio di varianti di “fuck”. E certo!
EFDP: Va beh, credo sia naturale: alla fin fine si parla sempre di un ventenne nigga che rappa.
DR: Vero. La cosa bella è che finora nulla sembra essere stato campionato.
EFDP: Sì, sembra tutto naturalissimo. Il tiro del pezzo è bello potente, carichissimo, ma sempre molto smooth nell’approccio.
DR: E poi, se ho capito bene, si parla sempre di un culo…
EFDP: A quanto pare. [ride] E c’è pure un finale.

[Pusha Man/Paranoia]

EFDP: OK, sembra una roba Nineties, molto à la Lil’Kim o à la Adina Howard (minchia che chiappe lei!)
DR: E sempre là si cade.
EFDP: Eh, vero. [ride]
DR: È un caso se tra gli ospiti c’è una certa Lili K.? Sai, per assonanza…
EFDP: Non so chi sia, ma non credo che abbia a che fare con il CULONE di Lil’ Kim. Ora mi sovviene chi mi ricorda: sembra un brano tra i più melodiosi di Kendrick Lamar. […] E ora si è interrotta… boh?!
DR: Eh? Oddio…
EFDP: Ecco, è ripartita, ancora più Kendricklamarosa, sembra una Swimming Pools in chiave lounge. Tu invece sembri perplesso.
DR: Perché la base è caruccia. Poi sto cercando dei testi, per un appiglio o roba del genere.
EFDP: Ah, certo.
DR: E il tag dell’MP3 mica ti dice che la seconda parte si chiama Paranoia?
EFDP: No.
DR: Appunto.
EFDP: Tutto quanto sembra elencato come Pusha Man.
DR: Questo spiega la cesura tra le due parti.
EFDP: Sì, decisamente.

[Cocoa Butter Kisses]

EFDP: Titolo fantastico.
DR: Leggo anche che a Kanye West è piaciuto.
EFDP: Non avevo dubbi: dal punto di vista delle basi la costruzione è impeccabile e particolarissima. Se non gli offrono un contratto a breve sono scemi, magari poi lui non accetta.
DR: Allora scemo lui.
EFDP: In quel caso sì.
DR: È anche espressivo, non è cosa diffusa.
EFDP: Soprattutto, SA CANTARE!
DR: Vero, azzecca le note!
EFDP: (eh, proprio a questo mi riferivo, a differenza di Kanye che rappa da schifo e canta in maniera alquanto mediocre; se non fosse che è un musicista coi controcazzi non se lo filerebbe nessuno)
DR: (vero anche questo, non dimenticare che è una persona colta) I tintinnii da Game Boy. Applausi!
EFDP: Sì! Comunque questo mixtape ha una marea di ospitate di gente a me ignota.
DR: E neanche male: questo Twista respira quando parla?
EFDP: Sembra E.Via, la rapper più veloce di Corea (mi sa che ti passai pure il video). Comunque sì, è impressionante.

[Juice]

EFDP: Ricorda il primissimo Kanye West.
DR: Allora non dovrebbe stupire se a Kanye è piaciuto.
EFDP: Mi auguro comunque che Kanye non abbia voglia di raccoglierlo sotto la propria ala e rischiare di fargli fare la fine di Kid Cudi. Comunque, qua il flow è ottimo, la base non mi fa impazzire, troppo “minimal” per i miei gusti.
DR: Campionata da Jealous Guy eseguita da Donny Hathaway.
EFDP: Ecco, grazie di colmare le falle nella mia conoscenza.

[Lost]

EFDP: Per un momento avevo letto Borough Gypsy, che è il titolo dell’album solista di Nomi Ruiz, ma non c’entra nulla.
DR: Perché mi ricorda Busta Rhymes quando ci provava con Mariah Carey?
EFDP: Te lo ricorda perché forse hai ragione? “Baby if you give it to me, I give it to you, I know what you want…”
DR: Eeeeeeeeeh, monello…
EFDP: Quando le metafore sessuali erano decisamente più sottili rispetto a un “Can you blow my whistle baby, whistle baby?”. Questa Noname Gypsy è delicata nel flow, rispetto alle rapper che si ascoltano di solito.
DR: Talmente senza nome che ha un nome.
EFDP: Eh?

[Everything’s Something]

EFDP: OK, base à la cLOUDDEAD.
DR: In tutto questo non ci siamo accorti che nel primo pezzo campionavano Kanye West.
EFDP: Ma per davvero?
DR: Freshmen Adjustment 2 Intro di Kanye West featuring John Legend. E posso dire “Grazie al cazzo se gli è piaciuto”?
EFDP: Sì, puoi. Poi leggo che il nome vero di Chance è Chancelor… cioè, che mente contorta devi avere per chiamare tuo figlio “Cancelliere”?
DR: Sempre meglio che “Inaspettato”.
EFDP: C’è chi si chiama “Unexpected”?
DR: Fuori dell’Italia non so, ma c’è chi giura di aver conosciuto qualcuno chiamato così qui!
EFDP: [sbigottito] Va beh, sviamo dal discorso. Pezzo non male, per quanto la base non è sfruttata al massimo del suo potenziale narcotico (qua gli acidi ce li sento).
DR: Io li sento nel fatto che Chance rappa come canta un giamaicano, scandisce le consonanti al loro stesso modo.
EFDP: Effettivamente hai ragione tu. Non so se abbia qualche ascendenza caraibica, non sarebbe nemmeno strano a dire il vero.
DR: Si sa solo che è di Chicago.

[Interlude (That’s Love)]

EFDP: E giù di organetti!
DR: Yeyeyeyeyeyeyeyeyeye!
EFDP: [ride]
DR: Campiona parecchi organetti e pianoforti. Leggo che prima gli interessavano di più soul e jazz.
EFDP: Tutto torna.
DR: Poi ha ascoltato The College Dropout di Kanye West. MA CHE CAZZO!
EFDP: [ride] Tutto quadra.

[Favorite Song]

EFDP: E vai di reggae campionato, quasi mi immagino sbucare fuori una Nicki Minaj ad agitare i fianchi come una scema.
DR: E mi sa che è più coerente, stavolta! Più fumato del reggae cosa c’è?
EFDP: Beh, l’acido non si fuma, eh?
DR: E che ne so? Per me che non fumo è tutta la stessa roba.
EFDP: Il chimico che è in me piange.
DR: Lo so che sono tutte cose diverse e danno effetti diversi e tutto quanto, ma per me sono tutte uguali. Proprio perché non fumo. E non sono un chimico.
EFDP: Però è vero che, se tanto ci dà tanto, in effetti il reggae è la musica nera più vicina al concetto di droga.
DR: Ecco, intendevo proprio quello. […] “Drop it like it’s hot”, eccallà!
EFDP: Drop It Like It’s Hot fu un pezzo drogante al liceo per me.

[NaNa]

EFDP: Il titolo, scritto così, è il nom de plume di una squinzia popparola nipponica, ma qui l’effetto droga è ancora più amplificato. La base è FANTASTICA!
DR: Che bassone! E parla di fumo. Yeah!
EFDP: TORNA TUTTO
DR: Naaanaaaanaaaaaaanaaaaanaaaaaaaa! Gettin’ aciiiiiiiid!
EFDP: (sì, l’ho scritto tipo cinque volte, ma amo quando tutto si incasella alla perfezione) “Gnegnegne gnegnegneeeeeeee”. Che è, la risata di Peter Griffin stiracchiata da Dirty Knobs?
DR: [ride a crepapelle]
EFDP: Premesso che è bellissima, eh? Il basso ciccione mi piace da morire.
DR: TORNA TUTTO! Con Peter Griffin, volendo.
EFDP: Ah, sì?
DR: Basso “ciccione”…
EFDP: Aaaah! [ride a crepapelle] E poi gente che scatarra.
DR: Bravi, fumate, eh? “Suck my motherfucking dick! NAAAANAAAAAAACOFFCOFFCOFF! Blow me!”

[Smoke Again]

EFDP: E VA BEH!
DR: E ora sono ciccioni i fiati.
EFDP: Sì, à la All Of The Lights volendo (ma Kanye non è certo stato il primo, è l’unica che mi ricordo coi fiati sparati a cinquemila, il che dimostra quanto poco conosca di rap e dintorni).
DR: (non dirlo a me: comincio a pensare che abbiamo sbagliato disco, perché si dovrebbe prestare attenzione ai testi, in pezzi di questo genere)
EFDP: (va beh, prima o poi si doveva fare dai; al prossimo giro scegli tu)
DR: Stavolta sono le vocine cantilenanti a fare l’effetto trip, con tutte le altre vocine alterate.
EFDP: Yep, e sono ben utilizzate (comunque mi spiace di aver sbagliato disco).
DR: (non sto dicendo che hai sbagliato; e poi, come hai detto tu, prima o poi si doveva fare)
EFDP: (lascio a te piena libertà d’azione per il prossimo)
DR: (ma per me va bene tutto, vediamo dove c’è fotta, di solito, no?)
EFDP: (beh, in questo periodo c’è fotta sui Deafheaven, che prima o poi dovrò ascoltare, poi si attende il ritorno di Julianna Barwick; volendo possiamo prendere some really old shit that nobody knows)
DR: (anche, sarebbe divertentissimo!)

[Acid Rain]

EFDP: Pianismo molto intimo e svolazzi di violino.
DR: Mi rimangio quel che ho detto sui testi: non servono, perché o si parla di acidi o si parla di fumo. Questa chitarrina che simula gli archi sembra una zanzara e all’inizio dà una minchia di fastidio…
EFDP: È una chitarra? Io credevo fosse un violino! Ma che orecchio di merda che ho.
DR: Boh, mi sembra di sentire lo slide sui tasti e la plettrata.

[Chain Smoker]

DR: E dagli!
EFDP: [ride a crepapelle] La base è un po’ convenzionale, troppo Kanye West, anche nel flow, si perde un po’ il tocco psych-soul.
DR: Starà finendo il trip.
EFDP: Oddio, credi che ci sia anche un’architettura concettuale nella disposizione dei pezzi?
DR: Non lo escludo.
EFDP: Nemmeno io, a dire il vero, ma così sfacciato non lo credevo.
DR: Guarda un culo, si cala qualcosa, strippa, finisce il trip e si ritrova il culo davanti. Urletti alla fine, sempre.

[Everything’s Good (Good Ass Outro)]

EFDP: Mi sembra giusto parlare di culi alla fine, no?
DR: Altro piano soul.
EFDP: Oramai è palese che questo è un tributo alle sue origini e che quella copertina orrenda è fuorviante al massimo grado. Vero è che le copertine non le dovrei manco considerare, però tendo a fare associazioni allampanate col contenuto del disco.
DR: Beh, insomma, questa è la traccia di ringraziamento.
EFDP: Sì.
DR: Perché abbiamo scaricato il suo mixtape e lo abbiamo reso felice, ma non ti senti come a Natale? […] Breve campione da Cold di Kanye West. BASTAAAA!
EFDP: [si sganascia dal ridere] Penso che tra poco comincierai ad odiare Kanye.
DR: Ma se chiamava il disco “Kanye, te sto a lecca’!” era meno fuorviante!
EFDP: È un po’ tutto fuorviante, ma alla fine tutto torna. Diciamo che con questa frase abbiamo risolto il dilemma.
DR: Contrabbasso magro. Piano soul. Ecco, ora siamo tornati alle chiappe dell’inizio.
EFDP: Esattamente: CHIAP-PE! CHIAP-PE! CHIAP-PE! CHIAP-PE!
DR: “JUICE! JUICE! JUICE! JUICE! JUICE! JUICE! JUICE! JUICE!”
EFDP: Dovrei ripetere la formula allo specchio, non sia mai che compaia Nona Marie Invie.
DR: [muore soffocato dalle proprie risa e risorge dopo tre secondi] “Oh, mi sono ripreso dal trip e mi se… Oh, ancora qui? Ma ciao!”
EFDP: E termina così il disco, in maniera circolare rispetto a come si è avviato.
DR: Esatto.
EFDP: Insomma, va sempre a finire in culo.
DR: Il che potrebbe confermare la mia teoria sul concept.
EFDP: Un concept sulle chiappe: how original…
DR: Forse vede delle chiappe che lo intrippano e si fa tutto il viaggio.
EFDP: PSYCHEDELIC BUTT! Altro che Psychedelic Pill di Nello Giovane.
DR: Ma pare che i culi canadesi siano altra cosa rispetto a quelli afroamericani, pare che “trip” e “trippa” siano intercambiabili…
EFDP: forse pensava a Joni Mitchell a 70 anni suonati, che dire….
DR: Joni Mitchell?
EFDP: Beh, è canadese, se dici che i culi canadesi sono altra cosa, forse Nello pensava a lei (sì, va beh, contorsioni mentali, mi sono fatto di acidi anche io a mia insaputa).
DR: Può pure essere Nelly Furtado, chi lo sa?
EFDP: Vero! M’ero dimenticato di lei! (Avril Lavigne non la considero nemmeno perché è troppo scema per essere pure tenuta in conto)
DR: (e poi sta con quello dei Nickelback, a Neil Young viene lo schifo automatico)
EFDP: (vero) […] Bene, si chiude così un’altra mirabolante puntata.
DR: Giudizio finale? Io dico che non è male. Lo riascolterò con i testi davanti, si trovano.
EFDP: Simpatico, apprezzabile, ci tornerò sopra.

Stavolta niente sigla, perché potete scaricare tutto da qui.

Tag:, , , , , , , , , , , , ,

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo Ascolto parallelo con ElFecondadòrDelPartenón #4: Acid Rap (2013) di Chance The Rapper su DeReviùer.

Meta

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: